Rino-agosto

Sezione di Paola – Un saluto al caro Rino Agosto

Memorial “Agosto-Mandarini”,  deceduto il papà di Gianluca

Ad ogni edizione del Torneo nazionale organizzato dalla Sezione di Paola, in memoria del figlio Gianluca e di Andrea Mandarini, non faceva mancare la sua presenza nello stadio principale della competizione, riservata a squadre composte da soli arbitri. Insieme alla propria famiglia e a quella di Andrea presenziava saltuariamente anche sugli altri campi del Tirreno cosentino che ospitavano il Memorial. Era fierissimo di vedere tutti quei ragazzi provenire da diverse località italiane e giocare nel ricordo di Gianluca, che aveva la loro stessa passione, l’arbitraggio.

Rino Agosto, alla prossima edizione del Torneo, non ci sarà. A stroncargli la vita, a 68 anni, è stato nei giorni scorsi un improvviso attacco di cuore. Lascia la moglie, la signora Elisa, e i figli Sabrina e Francesco, quest’ultimo arbitro alle dipendenze della CAN 5. Il compianto, ferroviere in pensione, era conosciutissimo nella comunità paolana, come ha testimoniato l’immensa folla alla cerimonia funebre, celebrata nella chiesetta del suo quartiere.

Il signor Gennaro, Rino per gli amici, era una persona semplice e rispettosa. Conduceva una vita umile e riservata. Nel suo garage aveva realizzato una piccola officina; la meccanica era uno dei suoi hobby. Un altro era la pesca. Nel periodo estivo, dalla sua casa a pochi metri dal lungomare, soleva avventurarsi in mare con la sua barca e trascorrere anche diverse ore nel clima distensivo e surreale che si respira al largo. Il suo sport preferito era invece il ciclismo, che praticava a livello amatoriale.

Da uomo sensibile si è dato molto da fare anche nel campo del volontariato. Era iscritto alla Croce Rossa Italiana e per tanti anni è stato donatore di sangue. Cattolicissimo faceva parte del coro della Chiesa di Santa Maria degli Angeli della marina di Paola, nella giurisdizione della sua parrocchia; vantava anche presenze nel coro del più rinomato luogo di culto religioso della Calabria, il santuario di San Francesco di Paola.

Lo sfortunato Rino era un uomo pacato, apparentemente tranquillo. Ma dietro a quel sorriso sincero che esternava ad ogni incontro non sempre riusciva a celare la sofferenza per quella perdita immatura del figlio Gianluca, deceduto a soli 25 anni in un incidente in Lombardia, accaduto il 3 luglio del 2002. Quel figlio che da qualche giorno è tornato ad abbracciare.

Nel breve filmato che segue, dalle parole di Rino, si evince la gratitudine che puntualmente riservava a tutti i ragazzi delle Sezioni di arbitri che hanno e continueranno a prendere parte al Memorial “Agosto – Mandarini”. Si sentiva onorato della presenza di centinaia di giovani provenienti da ogni parte d’Italia che si ritrovano puntualmente ad inizio estate in riva al Tirreno Cosentino per ricordare Gianluca e l’altro ragazzo caro e sensibile quale era Andrea Mandarini.

Rino_Agosto_filmato

di Paolo Vilardi

Print Friendly