lamezia

Sezione di Lamezia – Festa 40° Anniversario

Nello splendido scenario del Teatro Umberto la Sezione arbitri di Lamezia Terme ha festeggiato lo scorso 16 dicembre i suoi primi quarant’anni di attività. Di grandissimo spessore le personalità presenti all’importante e storica kermesse. Su tutti il Presidente dell’AIA Marcello Nicchi, accompagnato dal suo vice Narciso Pisacreta e dal componente del Comitato nazionale Maurizio Gialluisi, per continuare con il Presidente del Comitato Regionale Arbitri della Calabria, Stefano Archinà, e finire con il Presidente del Comitato Regionale della Lega Nazionale Dilettanti, Saverio Mirarchi.
In rappresentanza del Sindaco di Lamezia, Gianni Speranza, presente l’Assessore allo Sport Rosario Piccioni, e in rappresentanza della Regione Calabria il Presidente del Consiglio regionale Francesco Talarico. A fare gli onori di casa ci ha pensato il giovane Presidente lametino Eugenio Viterbo, coadiuvato nell’improbo compito da tutto il Consiglio Direttivo Sezionale.
E’ stata un’autentica serata di festa, dove ognuno degli illustri ospiti ha avuto parole di elogio e di encomio per la meritoria opera svolta dalla sezione lametina in tutti questi anni. Per una sera il gotha del mondo arbitrale italiano ha fatto tappa a Lamezia Terme. Presenti nella gremitissima sala oltre agli arbitri lametini anche numerosissime personalità arbitrali del recente passato, sia dirigenziale che agonistico.
Applauditi e seguiti con grande attenzione sono stati tutti gli interventi della serata, che ha raggiunto il suo momento clou nell’intervento del Presidente Marcello Nicchi, che ha toccato diversi punti. Dopo aver fatto gli auguri alla Sezione in festa Nicchi si è detto molto contento di essere in Calabria, che considera una regione piena di amici, aperta al dialogo, e che si aspetta quanto prima di poter abbracciare nell’élite del calcio italiano un arbitro calabrese. Nel corso del suo lungo intervento Nicchi, ha parlato della splendida avventura che quasi cinque anni fa ha intrapreso alla guida degli arbitri italiani, da lui additati come i migliori del mondo. Non ha nascosto le difficoltà incontrate e ha più volte ribadito di aver intrapreso insieme al suo staff un’opera di rinnovamento e di snellimento, mirata a dare il giusto valore alla meritocrazia, cercando di mettere al posto giusto le persone giuste. Ha avuto parole di sprone per il giovane e dinamico Presidente Eugenio Viterbo, uno dei più giovani d’Italia. Ha invitato gli arbitri più giovani a frequentare con assiduità le sezioni e a dare la giusta importanza ed efficacia al ruolo degli osservatori arbitrali, sia a livello sezionale che regionale, e che dal confronto franco, aperto, leale e senza fronzoli il giovane arbitro possa apprendere quelle metodiche giuste che lo facciano crescere ed andare avanti.
Nel chiudere il suo lungo ed apprezzato intervento, Nicchi ha parlato con soddisfazione anche del filo diretto creatosi tra la base, la periferia, e l’AIA centrale, merito anche delle nuove tecnologie che hanno semplificato il lavoro cartaceo di una volta.
Di grande successo sia come ascolto che come critica, è stato l’intervento dell’arbitro lametino, nonché poeta di fama nazionale Antonio Belsito, che con una lunghissima poesia, dedicata alla figura dell’arbitro, ha intrattenuto piacevolmente la sala, facendola immergere, sognare e sospirare per lunghi minuti; per lui applausi a scena aperta a fine esibizione.
Nella seconda parte della serata sono stati premiati dal presidente dell’AIA i due arbitri benemeriti della sezione lametina, che proprio in questa serata hanno raggiunto il cinquantesimo anno di appartenenza all’Associazione: l’avvocato Gianfranco Agapito e il professor Franco Pisani. Entrambi, vale la pena ricordare, oltre ad esserne stati Presidenti per vari anni (Agapito 2 anni, Pisani 20), sono considerati a giusta ragione i padri fondatori della Sezione di Lamezia Terme, che nacque nel lontano luglio 1973, distaccandosi da Catanzaro con decreto dirigenziale firmato dall’allora Presidente nazionale Giulio Campanati. Premiati infine tutti gli arbitri ed assistenti lametini promossi nella scorsa stagione.

Fonte www.aia-figc.it

Print Friendly