Milardi_Paola

Milardi in visita alla Sezione di Paola

“Un arbitro o un assistente che non cura i particolari non arriverà mai in Serie A”. E’ una delle frasi più significative che il vicepresidente area sud del Settore tecnico, Francesco Milardi, ha pronunciato agli arbitri della sezione di Paola, nel corso della riunione tecnica dello scorso 20 marzo.
Milardi aveva risposto all’invito del presidente sezionale Franco Longo, insieme al presidente del Comitato Regionale Arbitri della Calabria, Stefano Archinà. La lezione è stata molto proficua, soprattutto per i ragazzi che operano nel settore giovanile e negli altri campionati designati dall’organo tecnico sezionale.
Gli argomenti trattati sono stati vari, ma l’attenzione è stata focalizzata sul fuorigioco, sui gravi falli di gioco e sulla condotta violenta. Milardi ha disquisito sulle varie situazioni che potrebbero verificarsi in campo, con il supporto di slide al muro. Esempi pratici che rendono le riunioni interessanti e appassionanti.
La lezione tecnica del vice responsabile del Settore tecnico è stata improntata sugli interventi dei giovani arbitri, che hanno dato gli opportuni spunti alla discussione. E come accennato in apertura lo stesso ha posto in risalto quanto sia importante la cura di tutti i particolari per ambire in alto: “Anche questi fanno la differenza. Un calciatore, ad esempio, deve presentarsi in campo equipaggiato come prevede la Regola 4 del Regolamento del gioco del calcio; e se non è in ordine l’arbitro lo deve far uscire dal campo e farlo rientrare una volta attrezzato. Ciò significa solo far applicare le regole; non si tratta di pignoleria”.
Seppur in poco tempo l’ospite è stato coinvolgente, dando preziosi consigli e disposizioni tecniche dall’altro della sua esperienza. Ricordiamo che si tratta di un associato che è stato assistente arbitrale di Serie A e B per 8 anni, operando in 60 partite di A e in più di 100 gare del campionato cadetto. Nel 2009, l’anno della dismissione, è entrato a far parte come organo tecnico del Comitato Regionale Arbitri. E’ vice responsabile del Settore Tecnico, presieduto da Alfredo Trentalange, dall’inizio della stagione sportiva corrente.
Altrettanto significativo nella riunione tecnica di Paola è stato l’intervento del presidente CRA Stefano Archinà, che ha risaltato quanto sia importante per avanzare nella carriera avere a cuore l’arbitraggio: “Chi non è appassionato con il tempo inizia a non frequentare il polo d’allenamento e le riunioni tecniche, fino all’allontanamento definitivo dall’associazione. Voi avete una sezione davvero coinvolgente in tutto. Approfittatene!”.
Il presidente sezionale, Franco Longo, ha invece puntualizzato la proficua attività di formazione nel nuovo corso dell’Aia, che invoglia i giovani arbitri a praticare con impegno e dedizione questa disciplina sportiva: “I nuovi strumenti didattici, come i filmati distribuiti dal Settore Tecnico, sono oggi uguali per tutti, dai campionati minori alla Serie A. I poli d’allenamento sono altresì un grosso incentivo, in cui si svolge un’adeguata preparazione atletica e in cui si socializza. A questo punto basta l’impegno costante e tanta voglia di apprendere per togliersi delle grosse soddisfazioni”.

Fonte www.aia-figc.it 

Print Friendly