GRUPPO-C5

Lo stage precampionato del Calcio a 5

Il raduno degli arbitri di Calcio a 5 ha chiuso la serie di stage formativi precampionato organizzati dal Comitato regionale arbitri della Calabria. L’incontro è stato organizzato lo scorso 22 settembre a Catanzaro, nella sala congressi del polifunzionale della Polizia di Stato, come accade già da alcuni anni.
Contrariamente alle ultime stagioni non sono stati effettuati i test atletici, a cui gli arbitri erano stati sottoposti lo scorso 5 settembre a Catanzaro Lido. C’è stato dunque più tempo per focalizzare l’attenzione sulla parte tecnica e sulle disposizioni di inizio campionato.
Per il settore tecnico è intervenuto Giovanni D’Oria. Il presidente del Cra, Stefano Archinà, è stato impossibilitato a partecipare, per la concomitante riunione dei presidenti di sezione con i vertici dell’AIA, le Commissioni nazionali e il Settore Tecnico a Roma, durante il quale gli è stato consegnato il premio quale “Dirigente arbitrale particolarmente distintosi nel corso della stagione sportiva 2012/2013”. Al raduno ha quindi preso parte una delegazione del Comitato regionale guidata dal vicepresidente Valerio Caroleo, di supporto al coordinatore del Calcio a 5, Ercole Vescio, nonché il mentor Giuseppe Russo, che seguirà i talent Antonino Amedeo (Reggio Calabria), Francesco Mancuso (Vibo Valentia) e Pietro Vallone (Crotone).
Vescio ha così commentato i lavori: “Ho chiesto agli arbitri impeccabilità sotto l’aspetto comportamentale, quindi massimo rispetto per tutte le componenti, atleti, dirigenti, ecc. Dal momento che i campionati si presentano a difficoltà elevata ho altresì raccomandato loro di attenersi costantemente alle linee guide impartite in questo inizio di stagione, di curare la preparazione atletica e di migliorare la collaborazione in campo, nelle gare di C1, tra i due colleghi designati”.
Vescio ha inoltre posto l’accento sull’importanza, nell’opera di formazione, degli osservatori arbitrali: “Loro compito sarà di contribuire a formare gli arbitri, non solo di valutarli. Il colloquio dovrà essere un momento di costruttivo confronto”.
Nel corso dei lavori del raduno, con il supporto del rappresentante del settore tecnico, nonché con le slide selezionate dal collaboratore Cra Fabio Garcea, è stata spiegata la Circolare n. 1 e sono state date le opportune disposizioni tecniche in base alle lacune riscontrate nella scorsa stagione.
Hanno portato il loro saluto ai convocati il presidente del Comitato regionale della Lega nazionale dilettanti, Saverio Mirarchi, e il delegato del Calcio a 5 del comitato medesimo, Giuseppe Della Torre.

Fonte www.aia-figc.it

Print Friendly