attachment-1

Incontro di Fine Stagione tra Presidenti

Un cooling break” dalla durata di un giorno (al diavolo illimite previsto dal regolamento) per rinfrescarsi, una interruzione meritata “quando una stagione è appena finita e una nuova è appena iniziata”  ( tanto per dirla come un famoso presentatore). Quando si ha voglia di incontrarsi nella forma più amicale possibile, tra abbracci e strette di mano sincere, lontani dalle “gessate”  discussioni su regole e regolamenti, su problemi impossibili e loro impossibili soluzioni, non è difficile trovare il giusto ambiente (in questa occasione riservato esclusivamente agli amici nati in Calabria). Quello del Parco Nazionale della Silaricco di specie endemiche e specie rare, è risultato perfetto per una magnifica giornata da trascorrere in allegria e serenità.

Dopo l’appuntamento dello scorso anno a Mammola (su iniziativa di Bruno Surace- Presidente della sezione di Collegno), i dirigenti calabresi, compresi quelli sparsi sul territorio nazionale, si sono incontrati in mattinata a Camigliatello Silano.  Indossati berretto e maglietta, acquisiti i numerosi gadget (distribuiti dal perfetto padrone di casa Francesco Scarcelli Presidente della sezione di Cosenza), sono partiti per la prima tappa. Un percorso, guidato da un CC forestale, nel centro visite di Cupone, tra avvistamenti di lupi, cervi, e tanti altri animali (tra cui le piccole tartarughe che hanno fatto felici i figlioletti di Andrea Mazzaferro – Presidente sezione Torino) ma soprattutto, indirizzati dal bastone del Presidente CRA Franco Longo, una camminata effettuata tra il fresco dei pini e dei faggi. 

A seguire la riserva naturale del Fallistro, uno spettacolo della natura, con 60 esemplari di pini  larici e aceri montani, con i loro 40 metri di altezza. Ha descritto l’ambiente in maniera altrettanto spettacolare il dr. Carmine Lupia (i dettagli fanno grandi oltre che gli arbitri anche le guide).  Infine si è arrivati a 1600 metri di altezza (..naturalmente in macchina) al Rifugio Montescuro per la meritata parte conviviale. E ciascuno ha continuato a dare il meglio di sé, dopo il via dato dal brindisi iniziale del componente del Comitato Nazionale Stefano Archinà. Una rassegna mozzafiato dei prodotti silani che hanno trovato la soddisfazione degli “affamati” presenti. Pranzo interrotto soltanto per intonare più volte “la calabrisella; il livello dell’esibizione ha permesso di distinguere chiaramente tra le altre la voce dei “bolognesi” Antonio Aureliano (presidente sezione Bologna) e Luigi Ferriere (consigliere sezione Bologna), del “padovano” Alessandro Scarpelli (presidente sezione di Padova)di Pippo Capellupo (Responsabile Osservatorio per la violenza) e Francesco Milardi (Vice Presidente Area Sud Settore Tecnico). 

Addirittura alla fine, non soddisfatti, hanno pensato a una eventuale esibizione a Sanremo. Assistiti dal dr. Pasquale Fedele (Modulo bio-medico) ma ugualmente sfiancati dalla fatica effettuata,soprattutto nel consumare il pranzo, dopo aver avuto la certezza da parte di Franco Falvo (presidente della sezione di Catanzaro) che curerà l’appuntamento della prossima stagione in Sila Piccola (CZ), con l’aiuto di abbracci e strette di mano, dopo essersi dichiarati entusiasti per la giornata trascorsa insieme, naturalmente dandosi appuntamento alla prossima stagione, hanno rivolto il pensiero a coloro che portano la Calabria nel cuore e che per motivi diversi non hanno potuto partecipare.

Print Friendly