whatsapp-image-2020-09-15-at-16-20-00

IL PREMIO ASSEGNATO A FALVO GRATIFICA L’INTERA CALABRIA ARBITRALE

“In questi quattro anni di presidenza della Sezione di Catanzaro, ho cercato di portare al servizio dei miei associati l’esperienza accumulata in ambito nazionale nel corso degli anni”. Dalle parole di Franco Falvo emerge il suo spirito di servizio per l’AIA, che unito alla preparazione tecnica e una passione immensa gli sono valsi, nelle scorse settimane, il Premio ‘Presidenza AIA’ come ‘Presidente sezionale particolarmente distintosi nel corso della Stagione Sportiva 2019 – 2020’.

In breve il curriculum dirigenziale di Falvo, iniziato come Componente regionale e proseguito nel ruolo di Presidente CRA, rivestito dal 2005 al 2009. E’ seguita l’esperienza alla CAN 5 come Componente, dove è restato fino al 2015, quando è passato al Settore Tecnico dell’AIA in qualità di Coordinatore del progetto ‘Talent & Mentor’ del calcio a 5.

“Nel 2016 – ha proseguito Franco – sono tornato nell’amata terra di Calabria, alle origini, da Presidente della Sezione di Catanzaro, impegnandomi al punto di essere stato il prescelto dell’AIA per questo Premio nazionale che voglio condividere con gli associati e il Consiglio direttivo della mia Sezione, che hanno creduto nella bontà di questo progetto e dato corso a una rivoluzione… ‘copernicana’. Un grazie sentito e sincero al Presidente del CRA Calabria Franco Longo, a cui mi lega una perfetta sintonia istituzionale e una forte comunione di intenti che ho condiviso ampiamente – ha concluso Falvo – anche con i colleghi delle altre consorelle calabresi”.

Il riconoscimento assegnato a Franco Falvo dà lustro all’intera Calabria arbitrale, come ha sostenuto il Presidente regionale Franco Longo: “L’AIA calabrese è onorata per questo Premio che la Presidenza dell’AIA ha riservato a uno dei nostri dirigenti più validi, che ha lavorato benissimo anche gli anni che aveva varcato i confini regionali. Un Premio, quindi, che sentiamo nostro come CRA, che gratifica tutti i dirigenti sezionali calabresi e che testimonia quando la Calabria sia valida a livello dirigenziale”, ha chiosato Longo.

Print Friendly