arbitri-allenatori

Athletic Day e incontro con società e allenatori

Arbitri, dirigenti di società e allenatori si sono incontrati lo scorso 22 agosto a Lamezia Terme per confrontarsi sulle importanti innovazioni apportate al Regolamento del calcio dall’IFAB, al fine di presentarsi tutti sui campi da gioco con le idee chiare già dai primi impegni ufficiali della Coppa Italia dilettanti, quindi di evitare che la mancata conoscenza di alcune modifiche potesse sollevare incomprensioni e polemiche durante le partite. Le Regole riformate, infatti, sono state addirittura 16 su 17, la revisione più vasta apportata nel corso dei 130 anni di IFAB.
L’incontro del 22 agosto è stato tra i pochi in tutta Italia, la prima volta in Calabria, che ha riunito ad inizio stagione le componenti del calcio regionale per parlare di Regolamento. I lavori, svoltisi nell’aula congressi di un hotel di Sant’Eufemia Lamezia, sono stati moderati dal giornalista RAI Pietro Melia.
In apertura, in video collegamento, ha portato i suoi saluti il presidente nazionale dell’AIAC Renzo Ulivieri, l’associazione degli allenatori, che a proposito di aggressioni ai direttori di gara, un fenomeno purtroppo ancora troppo diffuso, è stato categorico: «Bisogna operare di più per la violenza sugli arbitri». Ulivieri ha concluso l’intervento risaltando l’importanza del confronto in atto a Lamezia Terme sul Regolamento del calcio.
«L’incontro odierno sancisce un rapporto di fiducia e rispetto tra le componenti del calcio», ha dichiarato invece Saverio Mirarchi, presidente regionale della Lega Nazionale Dilettanti. «Piena fiducia agli arbitri, che stanno studiando per farsi trovare pronti già dal primo turno della Coppa Italia dilettanti. Con questi principi – ha concluso – siamo sicuri di offrire campionati di qualità».
A ruota l’intervento del Presidente del CRA Calabria, Stefano Archinà: «Approfondire argomenti tecnici è un’occasione di crescita per tutti. E’ indispensabile ottimizzare la conoscenza del Regolamento del Calcio se vogliamo migliorare tutti insieme questo splendido sport».
La valenza del confronto tra società, allenatori e arbitri è stato posto in risalto anche dal presidente regionale dell’AIAC, Raffaele Pilato, che ha accennato e stigmatizzato anch’egli il deprecabile fenomeno delle aggressioni in campo e ha detto: «Tolleranza zero contro la violenza».
Si è quindi passati alla parte prettamente tecnica dell’incontro. A spiegare la Circolare n. 1, appunto le modifiche annuali apportate dall’IFAB al Regolamento del gioco del calcio, è stato il vicecoordinatore area Sud del Settore Tecnico, Francesco Milardi. L’innovazione più importante, come ha sottolineato lo stesso relatore, è stata il DOGSO (“Denying Obvious Goal Scoring Opportunity”, negare l’evidente opportunità di segnare una rete); si tratta dell’ex condotta gravemente sleale, per cui è cambiata la punibilità disciplinare quando il fallo è commesso in area di rigore e l’intenzione del difendente era di intervenire sul pallone.
Nel pomeriggio arbitri e assistenti di Promozione ed Eccellenza, insieme agli arbitri di Prima Categoria, hanno sostenuto i test atletici sul terreno di gioco dello stadio di Sant’Eufemia Lamezia, coordinati dal referente per la preparazione atletica Paolo Perri e con l’ausilio di attrezzatura tecnica all’avanguardia, come le fotocellule. Gli arbitri hanno svolto lo yo-yo intermittent recovery test e la prova di velocità dei 40 metri. Gli assistenti l’Ariet e l’Agility Test. Il giorno dopo sono stati invece testati gli arbitri regionali del Calcio a 5. Le prestazioni nelle prove atletiche, nel complesso, sono risultate soddisfacenti.

Fonte www.aia-figc.it

Print Friendly